Equitazione Americana e Inglese



Differenze e la nostra scelta


Equitazione americana ed equitazione inglese non sono una migliore o peggiore dell’altra, sono semplicemente diverse. Porsi la domanda di quale sia la migliore sarebbe come chiedersi se sia meglio guidare una moto da strada o una da cross, giocare a basket o a pallavolo, paragonare due tipologie di musica. Spesso chi pratica un tipo o l’altro di equitazione vi è capitato per caso, senza che venisse cercata in modo specifico ma con altre motivazioni che hanno orientato la scelta, come ad esempio la vicinanza del maneggio o i costi. Le principali differenze fra le due monte risiedono nella loro origine. L’ equitazione inglese è una equitazione sportiva, l’ equitazione americana è una equitazione da lavoro. Ne consegue che il rapporto con il cavallo risulti inevitabilmente diverso, in quanto nell’ equitazione da lavoro il cavallo deve necessariamente essere l’ultimo problema per il cavaliere. Ecco dunque il motivo per il quale nell’ equitazione inglese c’è sempre contatto tramite le redini con la bocca del cavallo mentre in quella americana il contatto è praticato solo per correggere un comportamento del cavallo non desiderato. Questo, unitamente alla posizione in sella soprattutto durante il galoppo ed alcune tutto sommato poco rilevanti differenze nella sella e nei finimenti, sono le uniche differenze vere fra le due monte. Noi abbiamo scelto l’ equitazione americana perché preferiamo galoppare con le gambe allungate e rilassate, in posizione seduta con il busto eretto e nessun contatto con l’imboccatura se non per correzione. Troviamo francamente ridicole le “accuse” che i praticanti delle due diverse monte si lanciano fra di loro, ognuno teso a magnificare la propria. Esiste solo una vera grande differenza, che sovrasta per importanza tutte le altre: quella fra un cavaliere attento, preparato, modesto ed uno egoista, impreparato ed arrogante, del quale purtroppo ne fa le spese il malcapitato equino che ha la sventura di esserne montato e maltrattato.

 

L'equitazione per tutti, tutto l'anno